Oltre le siepi ignoranti volò
astronauta, nell’abisso ignoto
d’un viaggio tortuoso, denso di moto.

Un barlume vergine scintillò
e fu come il propagarsi di un’onda
dallo spazio ostile alla terra tonda.

Chi sa dire se un fiore marcirà
come l’impreparata umanità?