Febbre lunare

Un ebook gratuito, Febbre lunare: raccolta di poesie.

La riproduzione – nel web – dei miei testi è consentita, senza aggiunte né modifiche, a patto di citare sempre la fonte, con nome, cognome e link. L’uso commerciale non è permesso senza previa autorizzazione.

IL MIO SANGUE

Il mio sangue rinverdirà nei fiori
strisciando sulle tombe, incantando
nuda pietra, gli umani malumori
forzati alla preghiera, blaterando
il mio sangue ticchetterà nei cuori
con un manto di stelle, oscillando
in bellezza piano piano in colori
d’arcobaleni, non importa quando
verrà pioggia, quando l’ignota morte
unirà il germoglio al suolo celeste,
altro non bramo che il suo velo bianco
chino all’altare davanti alle porte
che girando a vuoto cambiano veste
alla mia vita come saltimbanco.

— Irene Rapelli (Febbre lunare)

Intorno al sole

Alle porte d’autunni
la tentazione di foglie dirige il peccato
ingravidando canti piovani
con zollette per ogni soldato
morto dalle risate.
Arduo non infettare di rosso e giallo
il verso nato molle
per scarsità di clorofilla sillabica.
Gli accenti latitano, le rime sono
la moglie con le voglie alle soglie dell’uscio
di bosco scheletrito.
L’inverno sta per farsi vivo
con le intemperie e i mezzi spazzaneve.
Si parlerà invece del fallo
di luna riflessa nel lago ghiacciato
su pattini d’argento.
Tornerà di moda l’eterno
e che dire del vento?
La primavera fiore | cuore | amore
non avrà facilmente poesie in suo nome.
Andrà peggio all’estate mare | gabbiani.
In tutte le stagioni pascolano
cerve turchine in praterie di luce
tabù da nominare.

Arcobaleno

La mia luce vincerà sulla notte
guidando i seni nelle tue mani,
i respiri di sillabe interrotte
sott’acqua, sotto terra – ed emani
odore, fuoco che silenzio inghiotte
e striduli latrati non più umani
e profumi verdi d’albe sedotte
senza che la tenebra s’allontani
e porterò con me i versi di molti,
i canti tremuli nei sordi azzurri,
i trapianti di fiori d’altri mondi
e prima che tutto il pianeta affondi
nell’eterno senza che mi sussurri,
annaffiati i miei orti, li avrò colti.

Gra grà

Le rane saltano
con gran fastidio per lo stagno,
l’obbligo di spostarsi di ninfea in ninfea,
di masso in masso, abbarbicandosi
nei punti d’appoggio.

— Possono le rane
sollevare il mondo su un perno? —

Infelici di grilli, vermi e pesci
ruttano, inghiottono, deglutiscono.
Si tuffano nella fiamma gelida della pozza
talvolta non si sa bene perché
se non per giocare, morendo vittime
di predatori più grandi.

Gra grà — dice la rana.
Cra crà — risponde qualcuno.
Sei una rana anche tu? — domanda
nel codice delle rane. Non parla il corvo
se non dopo averla beccata, digerita
ed evacuata.

Qualcuna si mimetizza
o fugge. Ci sono agnelli rane e lupi rane
nella stessa medaglia.
Destino è saltare, arraffare
briciole di stelle, l’anima di polvere
incarnata nel cibo.

— Che senso ha
essere uomini, quand’è più comodo
se non uguale, più uguale,
essere rane? —

Come bombe
si salta in aria, le orme segnate
da un salto all’altro.

— Cosa c’è
oltre lo stagno? — c’è chi gracida
nel fiore della gioventù.
— L’universo è lo stagno — sbottano
le rane con la gobba.

Mangiare, scappare, figliare
in codice si traduce sempre con un
— Gra grà.

Stasi

Ricordo i fuochi accesi in ciglia bionde
nel cielo naturale dell’infanzia,
l’azzurro mare calmo di bonaccia
in cui mi dondolavo,
le fronde, le pinete, le montagne
e il sole scomparire dietro gli orli,
le falangi ghiacciate tra le foglie
in cui m’abbandonavo.

Le stelle mi parlavano dell’alba
svanendo lente lente alla mia vista,
guarendo piano piano ogni dolore
ed io mi dondolavo
leggendo ad alta voce le poesie
all’amico scomparso nella bruma
e separavo il futuro da soglie
al tempo non bramavo.

Tornando nello stesso luogo asperso
vedo il sole fugace distanziarsi
incapace di narrarmi le fiabe
in cui mi dondolavo
e mangiando lo stesso pane dolce
nulla mi sovviene poi, non la vita
o l’amore per essa, non la morte
come l’immaginavo.

Cercando i grembi lunari, le tombe
e i nomi vecchi, scintillano quasi
le lacrime, le giade del mattino
ed io mi dondolavo
ai tempi ignari delle trecce d’oro.
Adesso nulla canta il mio dolore
se non ripetizioni sonnacchiose
d’un imperfetto -avo.