Poesie

Bei sogni

Un gabbiano dorme sulla scogliera
racchiusa nelle orbite d’un fanciullo
e lo sguardo come la luna nera
traversa spazi immensi, quando il rullo

frantuma le nuvole con la luce
di musica sciabordante, traspare
un fulmine e la notte si traduce
da stelle immaginate a fuoco, pare

la terra cigoli piano, poi forte,
vibrano le tegole delle case,
un gran fracasso sbattuto di porte,
il fanciullo non termina una frase

inchiodata al suolo come le ruote
d’una sedia per le meningi vuote.

6 pensieri su “Bei sogni”

  1. Matteo dice:

    Splendida*
    Una fiaba.
    Un disegno di Antonio Rubino

    1. Irene Rapelli dice:

      Non ti ringrazio perché mi hai detto di non farlo più. Belli i disegni di Antonio Rubino: non conoscevo, ma ora li ho visti, nel web. M’incuriosisce perché proprio i suoi disegni, che mi piacciono.

      1. Matteo dice:

        Io recentemente ho acquistato dei suoi mini libri illustrati alla Feltrinelli.
        Sono davvero belli

      2. Irene Rapelli dice:

        Quando passerò alla Feltrinelli cercherò di scovarli, perché ho la pulce nell’orecchio, ora, grazie a te.

      3. Matteo dice:

        Secondo me ti piaceranno…
        Notte Irene 🌙

Rispondi