Narrativa

L’imperatrice

Fui concepita sul piano d’esistenza degli astri, come grumo di pensiero, dall’amplesso di due amanti che consumarono il loro tormentato amore durante la prima notte di nozze; era un’estate afosa e sudata. In quell’eterea dimensione tutto era emozione, colore, luce, flusso d’energie, di pensieri diretti alla mia mente senza l’ausilio imperfetto dei linguaggi parlati da individui composti da solida carne. I suoi abitanti erano come me: poco più che nuvole e invisibili ai mortali, dotati d’intelligenza ma senza scopo e sempre in attesa d’un segnale, d’una carica d’energia che avrebbe consentito loro di venire al mondo nel vero senso della parola. Alcuni di loro, però, accettavano di buon grado quel tipo d’esistenza e non aspiravano ad altro: vivevano nelle correnti dei fiumi, nella forza dirompente del fulmine, nel battito della pioggia scrosciante, persino nei cuori degli uomini. Erano il nucleo celato d’Eredroth, il “tutto che esiste”, il suo cuore inviolabile, il suo fuoco sotterraneo.

Continue reading…

Al mio signore

Il successivo brano di narrativa e di fantasia contiene immagini esplicite attinenti alla sfera dell’erotismo.

Si è pregati di non proseguire con la lettura, in caso di minore età (come la giurisprudenza mi obbliga a dire) oppure di contrarietà rispetto all’argomento: continuare la lettura del testo a seguire comporta il fatto d’acconsentire, consapevoli del rischio d’un eventuale turbamento emotivo sgradito.

Ho assolto ai miei obblighi legali. Buona lettura, in caso.

Continue reading…