Poesie

Ipotesi

Si ruppe
tracciando
nel latte celeste dei sogni
la rotta –
spargendo il nettare
zampillò, disseminando
i fiori di luce
dell’Olimpo
tra gli uomini alla mercede
d’un primogenito impulso
– folli genti alienate
guadano ancora il fiume:
irto e scosceso
il sangue delle stelle
è diluito
in correnti a bassa quota.

Nastri

Arie d’oblio, notturni sonnolenti
e mozziconi gettati per noia
sono l’intonaco sulla parete
d’un disegno ancora da immaginare:
la vena chirurga seziona verbi,
amputa frasi scomparse dai libri
e non resta nient’altro che un presagio
di stelle tramontate nel petrolio
e un poeta mozzo che sosta muto
vicino alla poppa, sognando invano
del viaggio la direzione contraria,
interprete di storpi periodi
che significati non hanno più.