Coccodè

Il trapano: mi penetra le orecchie | il suo martello cupo. Nella psiche | si fa presto martirio, le formiche | rosicchiano meningi, catapecchie | dove ha spazio il pensiero. Poi le vecchie | sulla panca d’una chiesa pudiche | additano il piccione, le molliche | gettate da qualcuno, e parecchie | mi si fanno vicine in quanto giovane | senza rispetto. Latrano: che rime, | ci sembrano patate nella cesta. | Poi sembra che una mi stacchi la testa | ed io corro veloce, poi m’opprime | il bercio torbido verso la giovane | presa per tale: Gio-va-ne! | Un nembo canta pioggia che m’è affine | ma rischio la sorte delle galline.