Poesie

Fantasia

Umida albeggio, dentro azzurri nudi
il battito delle sillabe inferme
lievi e disciolte nelle arterie rudi
di rami di connessioni malferme
sporte all’ignoto a mia mercé e a preludi
di stelle e movimentate conferme,
otri d’immenso, schiavitù, tripudi
di note magiche in bocca al re verme
tramandato per nome, quello mio
spogliato della menzogna dorata
da sapiente fanciullo prigioniero
dentro l’ego addobbato come dio
nutrito della paura fondata
d’una pulce vicina più allo zero.

19 pensieri su “Fantasia”

  1. sibillla5 NADIA ALBERICI dice:

    ogni giorno scopro qualcuno, qualcuna che è come se mi scrivesse dentro, che meraviglia! provo un grande piacere ed emozioni infinite !

    1. Irene Rapelli dice:

      Cosa intendi con “come se mi scrivesse dentro”? È riferito a me, per caso? Onorata, sia per risposta affermativa, che per risposta negativa (scherzo). L’emozione me l’hai suscitata tu con le poesie tue che ho letto. Tornerò.

      I.

      1. sibillla5 NADIA ALBERICI dice:

        si è riferito a te….e anche all’ultima di Flavio Almerighi…insomma io mi sto beando leggendovi !

      2. sibillla5 NADIA ALBERICI dice:

        si è riferito a te , ma anche al modo di scrivere di Flavio e di qualcun altro…..mi sto beando leggendovi

      3. Irene Rapelli dice:

        Molto lieta. :-*

        I.

Rispondi