Finzione

Ti credo se accusi la morte
sulle rive nebbiose d’eterni
andando a ritroso nel tempo lunare
essendo solo un omaggio
la tempesta di labbra tremanti
per vie ardenti oscure.
Le stelle ti bramano vivo per sempre
nel loro giochetto perpetuo,
nel loro giaciglio solenne per l’ego.