Francesco, un acrostico

F   urono fru frù di fuggenti frasche,
R   ombi di pioggia su canti di mare,
A   dargli nel mezzo d’ombre fuggiasche
N   uove parole, pigolanti e chiare;
C   on le foglie di lauro sulla chioma
E   gli ascoltò la fiamma crepitare;
S   ervo di muse, lui bevve l’aroma
C   elato dei mondi, le essenze amare;
O   rme d’eterno la sua penna doma.

9 Comments

  • Franz

    5 Lug 2018 at 21:54 Rispondi

    Ma che bello!

    • Irene Rapelli

      5 Lug 2018 at 21:56 Rispondi

      Grazie anche qui.

      • Franz

        5 Lug 2018 at 21:58

        Hai una testolina che ti ha regalato parole in dono…meriti gli apprezzamenti…

      • Irene Rapelli

        5 Lug 2018 at 21:58

        Mi sono esercitata, non ho avuto un gran dono.

      • Franz

        5 Lug 2018 at 21:59

        se non c’è talento non c’è esercitazione che tenga… credimi Irene

      • Irene Rapelli

        5 Lug 2018 at 21:59

        :-)

      • Franz

        5 Lug 2018 at 22:00

        :*

  • allorizzonte

    5 Lug 2018 at 17:33 Rispondi

    Non posso che amare questo acrostico. :)

Rispondi