Frecciata

Ouverture! Dopo
mira l’arco
di Giovanni femminile
l’acuto martello della Regina della Notte
al turno di Zerlina.

Se così fan tutte
i sarti al metro rifanno la misura.
Di’ Don, dan
campane in svendita al mercato?

In ginocchio dall’Imperatore, il nome
ignoro, interdetta
direi in tedesco l’italiano.

Non è meglio per te, più di moda
la finzione ai posteri
che a uccidere l’Artista
sia il Salieri?

Ora va’, calabrone
tedioso: a destare
del Commendatore il riposo.

Fa’ la riverenza,
fa’ la penitenza, tu sei Figaro, non
dal 1826 «L’Figarò».

40 pensieri su “Frecciata

  1. ahahahahahaha e punzecchia chi va punzecchiato…però povero Don Giovanni schiavo della sua natura insoddisfatta… e noi ci darem la mano una promessa per trattenersi insieme sul ciglio dell’abisso…

Rispondi