Ghirigori ed errori

L’orto del mio antenato risparmiava
coltivando patate senz’allori
più amore per la terra dei tenori
salmodianti alla luna la cui bava

nel sangue dell’inverno non colava
che su panni di neve, al di fuori
d’agri tetti di pietra, nei pudori
muti e antichi di quelli capitava

esigue foglie secche non spazzate
non fossero altro che ori, messe d’arpe
o di cembali d’obbligo intonate,

filigrane di lusso già impagliate,
eppure il contadino senza scarpe
faceva magia vera con patate

cresciute declinate
nella saggezza d’uomo, ma sorgevano
sotto lune magre e lui piangeva.

6 Comments

Rispondi