Poesie

Il bianco

Numeri in fila indiana sulla porta
lasciano gli indumenti dignitosi
e nudi innanzi all’uomo, bisognosi
indossano la neve che supporta

il meccanismo d’ogni patria morta
sotto freddi lumini, sono sposi
d’un silenzioso bianco, rumorosi
piedi neri d’inverno sotto scorta

e non v’è dio che salvi l’aguzzino
dall’apposizione di quel sigillo,
la fatica dei pasti che riduce

velocità nel lavoro meschino,
fiammate stellanti di gas, lo squillo
dal filo spinato sotto la luce.

12 pensieri su “Il bianco”

  1. almerighi dice:

    un brano notevole per contenuto e scrittura

  2. marinaraccanelli dice:

    le tue poesie sono una creazione surreale e potente

  3. sherazade dice:

    Percepisco grande emozione nelle parole e nelle immagini espresse.
    Grazie 💙

    1. Irene Rapelli dice:

      Grazie. Oggi sono sull’argomento, anche se in ritardo, come per il precedente haiku. Le ultime due si completano a vicenda.

Rispondi