Poesie

Il mio sangue

Il mio sangue rinverdirà nei fiori
strisciando sulle tombe, incantando
nuda pietra, gli umani malumori
forzati alla preghiera, blaterando

il mio sangue ticchetterà nei cuori
con un manto di stelle, oscillando
in bellezza piano piano in colori
d’arcobaleni, non importa quando

verrà pioggia, quando l’ignota morte
unirà il germoglio al suolo celeste,
altro non bramo che il suo velo bianco

chino all’altare davanti alle porte
che girando a vuoto cambiano veste
alla mia vita come a un saltimbanco.

44 pensieri su “Il mio sangue”

  1. almerighi dice:

    ci bagneremo gli stipiti delle porte, perché la Poesia sappia entrare accolta senza difficoltà

    1. Irene Rapelli dice:

      In senso figurato, sì… anche ciò. Il sangue rappresenta non solo l’ovvietà dopo la morte, ma anche la stessa poesia, che ci scorre nelle vene e che ne richiama sempre altra.

Rispondi