Offri il caffè

Se apprezzi ciò che scrivo, puoi fare una donazione. Ricambio con un semplice sorriso, a prescindere. Andiamo al bar, metaforicamente.

LE STORIE LETTERARIE

Sono sempre d’avviso
che Shakespeare fosse una cooperativa.
Che per le buffonate si serviva
di cerretani pari a lui nel genio
ma incuranti di tutto fuorché dei soldi.
Non può ingoiare troppo la sopravvivenza.
A volte digerisce un plotone, tale altra
distilla poche sillabe e butta un monumento
nel secchio dei rifiuti. Produce come i funghi,
puoi trovarne parecchi tutt’insieme, poi resti
a mani vuote per un giorno intero
o per un anno o per un secolo. Dipende.

— Eugenio Montale (Quaderno di quattro anni)