Libretto

[ C’est seulement
un divertissement ]

Caro diario, la rima
a volte è pitturare
arcobaleni sulle unghie: se il buon gusto
non c’è, meglio un effetto nudo.
La cipria non si veda, mai e poi mai
farsi beccare con le sillabe
sulle dita in fallo a contare. Gli uccelli
si dirigano là, dove
lo sciacquone tira il flusso isterico
dei cinguettii. La luna,
l’indecifrabile silenzio, le sue cose
dimenticare. Bandire le stelle
per continuare. Si lancino
pietre aguzze
a vivi e morti, a deboli e forti. Non esistano
stagioni dell’animo e dei patemi dell’anima
si frulli il paté. Il trucco dell’ironia
è un infarto al cuore
se lampeggia come l’insegna
di un privé. Ho detto
cuore? Nell’umido maleodora con il fiore
dell’amore a tre. Se la campana
suona non chiara, non allungare
ma ricorda che il rotolo di carta igienica intonso
nelle carestie è un bene primario
da razionare. Accendino e cherosene
per aiutare.

43 pensieri su “Libretto

  1. Buongiorno! Fantastica poesia, un bellissimo divertimento!!! Mi è piaciuta moltissimo con le sue immagini intense, un profondo viaggio nella fantasia con la mente!
    Un forte abbraccio! 😊

    • Lascio a chi legge, se mi legge, la facoltà di capovolgere prospettive, se ciò è nelle sue corde e capacità. Grazie, per il tuo commento…. e buongiorno, anche a te.

Rispondi