Metacanto

Ebook gratuito, trenta poesie: scarica Metacanto.

La riproduzione nel web del contenuto del pdf è consentita, senz’aggiunta né modifica, a patto di citare la fonte con nome, cognome e link. L’uso commerciale non è permesso senza previa autorizzazione.

Ho passato circa un anno e mezzo, più o meno, a scrivere le poesie contenute in questo libro, per quanto la maggior parte di esse sia nata tra marzo e giugno di quest’anno. Sono emozionata.

Ringrazio, senza fare nomi, chi mi è stato vicino e mi ha incoraggiata costantemente, testardamente. Ringrazio i miei lettori, di cuore. Con un sorriso, l’ennesimo ma diseguale, per ora mi congedo.

  1. Ciao Irene
    sono alle.prime due, le leggo con calma, le assaporo. Non sono brava nel fare recensioni, vado a pelle. Per ora ciò che leggo entra e si diffonde.
    Complimenti Brava.
    Un abbraccio
    Chiara

    1. Ciao, Chiara.
      Grazie. Non è importante saper fare recensioni: mi basta che chi legge avverta un senso di bellezza, in qualche modo, anche solo per una frazione di secondo, come un pulsare azzurro nel cuore. Se ti va, fammi sapere, dopo aver concluso la lettura del pdf, la tua… impressione (non usiamo la parola recensione). Mi farebbe piacere, in commento, oppure in privato, se preferisci — il tutto senza obbligo.
      Grazie, ancora, di cuore. Ricambio l’abbraccio!

  2. dunque io sono alla seconda lettura, e le trovo tutte straordinarie, ma “PROFEZIA” me la sento sulla pelle, ne voglio fare ancora qualche lettura, perchè ogni volta trovo qualcosa di più e anche di diverso, poi ti dirò le mie impressioni, per ora solo grazie per queste meraviglie!

    1. Grazie a te, per l’attenzione profonda che dedichi alle mie poesie. Resto in attesa delle impressioni, quando saranno pronte: anche critiche feroci sono ben accette. Per favore, mandami un commento, se decidi di farne una “recensione a modo tuo”, perché le notifiche (pingback e trackback) non mi arrivano mai. Un sorriso per te, Matilde.

    2. ricambio il sorriso e ti manderò per mail quello che ho “vissuto” leggendole!, spero non ti dispiaccia se ci saranno anche delle immagini costruite da me che i miei occhi hanno raccolto leggendoti! e grazie sempre per le emozioni che mi regali

    1. Posso farti una domanda? Anche se hai letto solo qualche poesia, mi piacerebbe, se vuoi rispondere, conoscere almeno il titolo di quella che ti ha colpito di più — per ora. Se preferisci non rispondere, oppure rispondere più avanti, accetto la decisione.

    2. Scopro sempre qualcosa, rileggendo le mie poesie, dopo averle scritte: e m’interessa conoscere ciò che scoprono gli altri. Il bello, detto in altre parole, è quando la poesia prende vita da sola, di voce in voce, di alienità in alienità, decollando. Umilmente, spero di riuscirci, almeno per una frazione di secondo.

    1. Quello che so quando leggo poesia, in questo caso la tua poesia, è che principalmente o in molte spicca la natura e questo di per sé mi piace. Mi ci ritrovo nella prima “fiorirura” bella la figura del pesco. Molto sentita anche ” Canta fratello”, una lotta impari che i neri devono combattere ogni giorno, anche se me lo permetti chi come i missionari e religiosi combattono ogni giorno per la loro libertà, o chiunque ne sia privato.
      Il tutto molto molto piaciuto fino ad ora, lineare di facile comprensione e sopratutto, per me è pieno di musicalità. Grazie Irene per questi gioielli. Continuerò la lettura.
      Buon giovedì cara
      Chiara

Rispondi