Poesie

Notte dei tempi

Ricrescono fra le rose
erbacce molto più dure.
Su pietra calda le rose
non siedono in quanto pure

e sono sempre le cose
più brutte a scalare alture
e valli non per le rose
che necessitano cure

per gemmare nella selva
in cui le amanti un po’ grezze
si danno da fare al suolo

per conquistare la belva
e si dice le carezze
rendano dolci nel ruolo

le colpe e il dolo
d’amare le erbe mortali
e le sterpi abituali.

49 pensieri su “Notte dei tempi”

  1. almerighi dice:

    In poesia l’inconscio è fondamentale

      1. almerighi dice:

        sì, anche

      2. Irene Rapelli dice:

        È vero, non si scrive solo con l’inconscio, che crea i sogni. Le poesie sono anche sogni.

  2. tachimio dice:

    Se mi diletto a leggerti è perché ci provo gusto. Bellissima . Un lavoro il tuo da vera professionista del poetare. Continua così mia cara. Otterrai riconoscimenti. Un bacione e il tuo sorriso su info è deliziosamente ammiccante…Isabella

    1. Irene Rapelli dice:

      Grazie per l’apprezzamento della poesia. Ho messo il mio sorriso nelle INFO per consentire a quelli cui sorrido peraltro in continuazione di vederlo, in modo meno astratto. È un sorriso di vita.

      1. tachimio dice:

        bene, bene, bene.

Rispondi