Delirio

Mi sento come se
giungendo al fine vita
un tubo m’aspirasse
il sopore al cervello,
mi sento come se
la verità proibita
tra le dita infiammasse
il cuore, ma non quello
che batte come se
fossi quasi infinita
ma l’altro, non in asse,
che pulsa nel ruscello
delle sillabe che
ritrovano l’uscita
nel morto parallasse
di stelle senz’appello.

ApriDelirio

Enigma

È l’alba degli usignoli, la via
del sogno e l’inno angoscioso alla luna,
la sabbia inferma della poesia,
l’amante che riposa sulla duna,
la rotta di vascelli in avaria,
l’alito di fiume e la selva bruna,
la siepe, la scelta d’un crocevia,
la nuvola libera e inopportuna,
la nebbia tortuosa della follia,
il tremulo bagliore che accomuna
la vita e la morte per asfissia,
il narciso curvo sulla laguna,
fra gli animali della fattoria
il dubbio immortale, l’ardua fortuna.

ApriEnigma

Nastri

Arie d’oblio, notturni sonnolenti
e mozziconi gettati per noia
sono l’intonaco sulla parete
d’un disegno ancora da immaginare:
la vena chirurga seziona verbi,
amputa frasi scomparse dai libri
e non resta nient’altro che un presagio
di stelle tramontate nel petrolio
e un poeta mozzo che sosta muto
vicino alla poppa, sognando invano
del viaggio la direzione contraria,
interprete di storpi periodi
che significati non hanno più.

ApriNastri

Epopea di stelle

Voglio gracchi di corvi maledetti,
ciottoli di sentieri confutati,
gli acri odori a lato dei cassonetti,
non i cespugli degli innamorati
o la luna che s’ammira dai tetti,
ma la donna da cui non s’è riamati,
la gogna di pensieri contraddetti,
la luce errante nei visi bagnati
e per chi avesse ancora da ridire:
in me ardono le nebbie della morte
e la falce che raccoglie le messi
è l’ara solenne che sta nei pressi
di templi azzurri, vicina alle porte
d’inferni che mi tendono le spire.

ApriEpopea di stelle
Back to Top