Poesie

Sia terra sia cielo

È sia terra sia cielo la sostanza
che mi fa di luce, muscoli e d’ossa.
In me le ombre bruciano d’alternanza
al concime dei fiori. E una scossa
attiva il vulcano con la percossa
contro i muri incrostati della stanza.
La febbre elettrica si tinge rossa
più del sangue ermetico con cui danza.
Io so pigolare misera venere
nei salti delle rane per lo stagno.
Io so gracidare rinata stella
per servire l’eterno come ancella.
E con la luna posso farmi il bagno
meritando d’essere solo cenere.

24 pensieri su “Sia terra sia cielo”

  1. almerighi dice:

    la Fenice rinasce sempre dalle proprie ceneri

    1. Irene Rapelli dice:

      Hai colto lo spirito in questa poesia, come anche in altre recenti: rinascita.

    1. Irene Rapelli dice:

      Grazie: “incantevole” è un complimento bellissimo.

      1. norise dice:

        <3

    1. Irene Rapelli dice:

      Il commento era finito in Spam: grazie per l’apprezzamento e per la lettura. La musica che senti nasce da dentro e non solo dalla metrica.

Rispondi