È la notte, m’include
– sulla tela d’un ragno
la mosca presto assume
la sembianza del manto
in cui poi muore.

Sento le anime nude
– la nebbia in cui mi bagno
mi priva del mio lume,
il tacito mio pianto
colmo d’amore

guarda l’altra palude.